“Finalmente giustizia per Shylock?”

Ispirato al “Mercante di Venezia” di William Shakespeare è andato in scena al “Teatro del Sale” in Via dè Macci a Firenze “Finalmente giustizia per Shylock?”. Un processo, in questo caso d’appello, simulato (mock trial), è esperienza che appartiene alla cultura giuridica anglosassone e viene spesso organizzato nelle Università inglesi e americane a fini formativi.
Tra i più noti, quello che trae spunto da Il Mercante di Venezia, nel quale Shylock, che aveva portato in giudizio il mercante Antonio, subisce una pesante condanna.
Il fascino della storia e la fonte letteraria della vicenda, unitamente ai temi di assoluti rilievo ed attualità che la connotano, quali la tutela dei diritti dei soggetti più deboli e la discriminazione per ragioni religiose o razziali rendono il “Processo di Shylock” uno degli eventi più interessanti della cultura giuridica internazionale. Nella parte di Shylock l’avvocato Mafredi Burgio della Camera Civile di Firenze, in quella di Antonio l’avvocato Alessandro Becattini.
La giuria del Processo, composta dal Presidente del Tribunale Marilena Rizzo, dal Giudice Patrizia Pompei dall’avvocato Giuliano Scarselli e dal notaio Massimo Palazzo è arrivata a sentenza, consultabile sul sito della Camera Civile di Firenze e sul relativo account Facebook.

Articoli collegati
Rispondi